depressione post partumLa depressione post-partum,  è una particolare forma di disturbo nervoso che colpisce alcune donne a partire dal 3° o 4° giorno seguente la gravidanza e che può avere una durata variabile, manifestandosi in qualche caso come depressione vera e propria, accompagnata da forme di psicosi.

Dopo la nascita di un bambino può capitare che la donna non si senta così felice come pensava.
Nella maggior parte dei casi questo stato d'animo, del tutto fisiologico e passeggero, scompare in pochi giorni.
In alcune donne, che hanno avuto da poco un bambino, questi sintomi possono perdurare anche per un anno.

La donna che soffre di depressione post partum sperimenta una costante sensazione di inadeguatezza nei confronti del nuovo ruolo, può sentirsi delusa perché la maternità si è rivelata un esperienza molto diversa da quella che si aspettava e può sperimentare del risentimento nei confronti del neonato perché questi le assorbe tutte le energie.

Queste sensazioni la fanno sentire in colpa, pensare di essere una cattiva madre e di aver fatto un terribile errore nel mettere al mondo un figlio.

Il suo comportamento può esprimersi in una sensazione di costante ed eccessiva preoccupazione verso il neonato (in assenza di problemi oggettivi) oppure in un completo disinteresse nei suoi confronti.
Altri sintomi della depressione post partum sono: tristezza, depressione e voglia di piangere; irritabilità con il bimbo e con il partner, perdita di interesse o piacere in ciò che si fa, mancanza di energie; m al di testa, dolori addominali, tachicardia, difficoltà a respirare; insonnia; inappetenza e perdita di peso o tendenza a mangiare in maniera eccessiva, difficoltà di concentrazione e di memoria, difficoltà nel prendere le decisioni; sentimenti di colpa e di disistima; timore di fare del male al bambino o a se stessa.
Nei casi più gravi, la neomamma è depressa al punto tale da prendere in considerazione il suicidio.
Come Psicologa ma anche madre, riesco a comprendere le difficoltà di questo delicato momento della vita di una donna.
Non tutte le neo-mamme sono in grado di affrontare il cambiamento della loro vita con stati d’animo positivi e propositivi anche perché molte donne non possono fare affidamento sulla rete familiare che le circonda  o sui  mariti.
Con queste premesse, mi sono fin da subito dedicata ad una serie di iniziative sul territorio di Trento occupandomi di loro, con l’obbiettivo, di prevenire l’insidia di stati emotivi tendenti alla depressione.
Oltre ad un supporto e sostegno psicologico individuale rivolto alle neo-mamme, organizzo incontri formativi  ed informativi di carattere preventivo accompagnando  le coppia durante la nascita di un bambino e responsabilizzando i padri in quello che fin da subito è il loro ruolo fornendo utili  strumenti per riconoscere la comparsa di pensieri e comportamenti che potrebbero sfociare in questo disturbo.